#Scuoleinnovative

Data: 2016
Località: Villabate (Palermo)
Progettisti: Cannone Architetti S.r.l. (capogruppo), AM3 Architetti Associati
Collaboratori: Arch. Luca Checchini, Prof. Michela Mazzola, Internoesterno
Importo delle opere: € 4.500.000,00
Dimensioni: Superficie complessiva dell’area mq. 4.405

#Scuoleinnovative

Progetto 1° classificato

L’idea progettuale considera la scuola come luogo di apprendimento e di confronto e integrazione a più ampia scala.

Le diverse parti del sistema edilizio in progetto convergono nell’Agorà,in parte a tutt’altezza, su cui si affacciano spazi riservati all’apprendimento e alla sperimentazione, e spazi disponibili alle relazioni con la città.

L’immagine complessiva asseconda il senso di orizzontalità caratteristico del luogo, ubicato tra monte e mare. Ad una visione più analitica il sistema svela le articolazioni volumetriche comprese nella forma complessiva.

Al piano terra sono dislocate le attività del Civic Center: la cavea – auditorium per rappresentazioni, spettacoli, proiezioni, conferenze, ma anche per giochi, attività libere, etc.; il volume a Est contenente la palestra con i relativi servizi e la biblioteca; un secondo volume, sul lato Sud, contenente accoglienza e segreteria, direzione, sala insegnanti, locali tecnici, bagni. Un terzo volume sul lato Nord contiene le due sezioni di scuola materna, con relativo spazio esterno dedicato, e la cucina con relativi servizi.

Al primo livello sono previsti il volume sul lato Nord con le prime tre classi elementari, l’aula integrativa e il laboratorio artistico; un secondo volume a Est con le due ultime classi; i volumi a Sud e a Ovest con rispettivamente il laboratorio musicale e il laboratorio scientifico, oltre ai servizi igienici.

I volumi sono collegati da una balconata che si affaccia sullo spazio centrale, disponibile per attività varie complementari ed è collegata all’area gioco esterna sulla terrazza di copertura della palestra.

Il nuovo plesso potrà aver vita per l’intera giornata e per l’intero anno, grazie all’integrazione tra l’attività scolastica e gli usi del Civic Center; l’apertura al territorio e il coinvolgimento nella città sono ben leggibili, coerentemente, nelle articolazioni volumetriche, nelle trasparenze, nel trattamento dei fronti.

Menu